Virus Cina, Speranza: "Italiani in partenza da Wuhan"

webinfo@adnkronos.com

Si terrà nel primo pomeriggio di domani una riunione dei ministri della Salute del G7 sull'emergenza Coronavirus. Ad annunciarlo è stato il ministro della Salute Roberto Speranza alla trasmissione 'Che tempo che fa'. "Siamo di fronte ad una grande sfida globale e nessuna Paese può pensare di salvarsi da solo", ha detto il ministro.  

Poi, sugli italiani pronti a tornare in Italia dalla Cina: "Dovrebbero partire proprio in questi minuti, stanno completando le ultime procedure proprio in queste ore. Io sono in collegamento col mio viceministro, Pierpaolo Sileri che è lì, un medico, seguirà in prima persona tutta questa vicenda. Dovrebbero arrivare domani subito dopo le 8 e il protocollo prevede che ci siano 14 giorni di isolamento, di sorveglianza, di controllo, i giorni di potenziale incubazione del virus". 

"Sul fronte Italia, stiamo facendo tutto il possibile: siamo stati il primo Paese a chiudere i voli per la Cina, il primo a dichiarare lo stato d’emergenza, mezz'ora dopo che l’Oms ha dichiarato lo stato d’emergenza globale. Abbiamo dimostrato in questi mesi di avere un servizio sanitario nazionale di altissima qualità, io voglio ringraziare i nostri medici, infermieri, operatori sanitari, ricercatori", ha detto ancora Speranza. 

"Oggi è arrivata questa bellissima notizia dall’ospedale Spallanzani che ha riempito tutto il Paese di orgoglio. Penso sia una cosa importante che in quel centro, in Italia, a Roma si sia riuscito a ricostruire il genoma di questo virus per isolarlo, quindi ora ci sono le condizioni per studiarlo meglio, mettere a disposizione della comunità internazionale tutte le informazioni. I migliori cervelli del mondo sono al lavoro per cercare un vaccino a questo virus”, ha assicurato il ministro.