Virus Cina, terminate le scorte di mascherine in Asia

webinfo@adnkronos.com

Da Hong Kong al Giappone, maschere per il viso e disinfettanti per le mani stanno diventando oggetti indispensabili mentre il nuovo coronavirus si diffonde velocemente in tutta l’Asia. Con l’aumentare del panico, però, stanno diventando sempre più difficili da reperire. Le farmacie di tutta Hong Kong hanno esaurito le maschere volte a impedire il contagio da giorni, spingendo le autorità a dire che ne arriveranno di più la prossima settimana.  

Taiwan ha bloccato l’esportazione di maschere per almeno un mese per poterne garantire la distribuzione interna. A Macao, le autorità ne hanno limitato la vendita ad un massimo di 10 per residente o lavoratore ospite autorizzato, previa presentazione di un documento d’identità.  

Sono stati identificati pazienti colpiti dal virus in diversi paesi dell’Asia, tra i quali Singapore, Vietnam, Hong Kong, Macao, Giappone e Corea del Sud. Solo in Cina, il coronavirus ha ucciso 26 persone e infettato più di 800.