Virus Cina, un caso sospetto a Pistoia

webinfo@adnkronos.com

Una turista cinese 53enne, originaria della provincia dell'Hubei, è ricoverata da ieri all'ospedale San Jacopo di Pistoia per un "caso sospetto di coronavirus". E' quanto ha fatto sapere, con una nota, l'Asl Toscana Centro. La donna, che viaggiava con una comitiva di una ventina di turisti cinesi a bordo di un pullman diretto a Lucca, è svenuta e accusava una sintomatologia simile all'influenza con lieve rialzo febbrile.  

"Precauzionalmente il mezzo su cui viaggiava la signora - riferisce l'Asl -si è fermato nell'area di servizio di Serravalle Pistoiese della A11 ed è stata chiamata la centrale operativa 118 Empoli-Pistoia che ha soccorso la paziente trasferendola nel pronto soccorso di Pistoia, dove i sanitari hanno subito attivato le procedure previste dal protocollo ministeriale per questi casi". 

Nel frattempo, è stato infatti deciso di isolare l'area di servizio. Sul posto il 118 e la polizia stradale, che ha fatto uscire tutti tranne i lavoratori. L'area di servizio è stata poi riaperta. Gli altri viaggiatori (una ventina) hanno ripreso il loro viaggio verso Lucca. Ma anche per loro ci saranno degli accertamenti.  

La paziente, spiega sempre la Asl, si trova ricoverata nel reparto di malattie infettive dello stesso presidio ospedaliero di Pistoia: sono in corso gli accertamenti e le terapie del caso ed in questo momento è in corso anche l'indagine epidemiologica per capire se la donna, nei 14 giorni precedenti l'insorgenza della sintomatologia, era già presente in Italia: in caso affermativo i sanitari procederanno ad effettuare gli esami indicati dal Ministero inviando i campioni biologici all'Istituto Superiore di Santità.