Virus cinese, primi casi in Europa: 3 contagiati in Francia

Virus cinese, primi casi in Europa: 3 contagiati in Francia

Milano, 25 gen. (askanews) – Il misterioso coronavirus cinese che provoca una malattia simile alla polmonite, inizia a far paura anche in Europa. Il ministro della sanità francese Agnès Buzyn, infatti, ha confermato i primi 3 casi di contagio in Francia; uno è stato ufficialmente accertato a Bordeaux, nel sud-ovest del Paese e un altro a Parigi. Il terzo caso è relativo a un parente stretto di uno dei primi due pazienti appena rientrati dalla Cina e ora ricoverati in isolamento.

In Italia c’è stato un caso sospetto a Parma; una donna appena rientrata proprio da Wuhan, città focolare dell’epidemia. I primi accertamenti, tuttavia, avrebbero escluso che possa trattarsi di coronavirus anche se la paziente resta sotto osservazione.

Intanto, in Cina è salito a oltre 40 il numero dei morti. Secondo la stampa locale, inoltre, 29 province cinesi avrebbero dichiarato al momento almeno 1287 casi accertati di contagio, 572 dei quali a Wuhan. Casi sporadici sono stati riportati anche a Honk Kong, Macau, Taiwan e altri Paesi tra cui due negli Stati Uniti.

Pechino sta correndo ai ripari, rinforzando il cordone di sicurezza e isolando città, templi religiosi e luoghi di turismo come la stessa Grande muraglia al fine di ridurre il rischio di contagio da coronavirus che sarebbe passato all’uomo da serpenti infettati da pipistrelli ma ora, dopo la mutazione, è in grado di trasmettersi da uomo a uomo.