Virus, "entro 24 ore l'aereo per Niccolò"

webinfo@adnkronos.com

L'aereo dell'Aeronautica "si recherà in Cina nelle prossime 24 ore per prelevare Niccolò e riportarlo dalla sua famiglia". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi di Maio, nel corso del punto stampa al termine del vertice presso la sede della Protezione civile, dedicato al coronavirus e, in particolare, al caso di Niccolò, il 17enne di Grado bloccato nuovamente all'aeroporto di Wuhan, in Cina, per la febbre rilevata ai controlli medici. "Abbiamo deciso che un velivolo dell'Aeronautica militare andrà a prendere Niccolò in Cina e lo riporterà qui. Per noi nessuno deve rimanere indietro". "I nostri connazionali hanno la priorità per il rientro in Italia e faremo tutto il possibile per assicurare ai nostri connazionali che sono in Cina e che vogliono rientrare la massima assistenza e vicinanza" ha assicurato il ministro degli Esteri dopo la riunione con Angelo Borrelli e il ministro della Salute, Roberto Speranza. LA FAMIGLIA - "Abbiamo sentito i familiari di Niccolò poco fa e abbiamo dato la notizia della nostra decisione presa durante questo vertice - ha detto Di Maio -. Ringrazio il ministro Guerrini e il premier Conte, con i quali siamo stati in stretto contatto in queste ore per assicurare a Niccolò di rientrare in Italia il prima possibile".