Virus, Speranza: "Voli restano chiusi"

webinfo@adnkronos.com

"La prevenzione viene prima dell’economia, il governo non cambia linea e i voli per la Cina e dalla Cina restano chiusi. L’allarmismo è sbagliato, ma dobbiamo tenere una soglia di attenzione molto alta". Lo afferma il ministro della Salute, Roberto Speranza, in un'intervista al 'Corriere della Sera', sottolineando che è "giusto aver scelto una risposta più prudenziale rispetto ad altri Paesi. Le persone infettate sono 35mila nel mondo, con una crescita media di 3.500 al giorno. L’allarmismo è sbagliato, ma dobbiamo tenere una soglia di attenzione molto alta".  

Speranza ricorda che l'epidemia di coronavirus "è ancora in fase espansiva. Io spero che le meritorie decisioni del governo cinese possano consentire di raggiungere presto il picco e iniziare la fase regressiva". Quanto alla durata del blocco dei voli, "dipende dall’evoluzione del contagio - osserva il ministro -. L’articolo 32 della Costituzione, che tutela il diritto alla salute, viene prima di tutto. Sono numeri significativi, parliamo di 60 voli a settimana e almeno 200 persone a bordo di ogni aereo. La nostra misura ha ridotto in modo importante gli scambi. E i cargo che trasportano merci continuano a volare".