Virus, "termoscanner per tutti i voli"

webinfo@adnkronos.com

"Stiamo lavorando per rafforzare il persone medico e paramedico negli scali aeroportuali con i nostri volontari e volontarie - ha assicurato Borrelli - a Fiumicino sono operativi i termoscanner, strumento che sarà allestito in tutti gli aeroporti e dove non arriverà si provvederà con personale medico e paramedico dei nostri volontari". Lo ha affermato Angelo Borrelli, commissario per l'emergenza del Coronavirus e capo della Protezione Civile a Radio Anch'io. "Il nostro Paese ha bravi ricercatori bravi medici e abbiamo delle strutture che sono state potenziate. Proprio l'altro giorno visitando l'aeroporto di Fiumicino ho potuto verificare quelle che sono le strutture sanitarie entrate in funzione nel 2016, strutture che ai tempi della Sars non avevamo, quindi possiamo gestire questo rischio nei nostri aeroporti in modo adeguato".  

Dopo la fase di test degli ultimi due giorni, sono partiti oggi i controlli della temperatura corporea per i passeggeri in arrivo allo scalo di Fiumicino, come disposto dal Ministero della Sanità. A comunicarlo è Aeroporti di Roma in una nota. Sono stati allestiti 3 check-point centralizzati, uno presso il Terminal 1 e due al Terminal 3, e predisposte in totale 11 corsie di controllo, tutte dotate di termoscanner, 3 al Terminal 1, 3 al Terminal 3 per i voli Shengen e 5 agli arrivi internazionali al Terminal 3.  

Ogni corsia è presidiata da addetti sanitari che, tramite un tablet, sono in grado di rilevare la temperatura corporea misurata dai termoscanner. L'intera fase di controllo dura al massimo 2 secondi e non si registrano code tra i passeggeri. I termoscanner utilizzati da Aeroporti di Roma sono di ultima generazione e si aggiungono a quelli già disponibili nel canale sanitario allestito nel 2016 e sono in grado di supportare le operazioni aeroportuali sia in condizioni ordinarie che straordinarie, come quelle attuali.  

Aeroporti di Roma ringrazia il Commissario Straordinario, Angelo Borrelli, la Protezione Civile, il Ministero della Salute, l'Enac e la Polizia di Stato per il supporto ricevuto che ha permesso di attivare con grande celerità la migliore risposta operativa delle disposizione del governo italiano.