Visco: la legge di bilancio si può fare, il problema è la demagogia

Francesco Fotia / AGF

AGI - Anche con le elezioni a fine settembre "i tempi per approvare la legge di Bilancio, in teoria, ci sono ci sono". Lo afferma, intervistato dall'AGI, l'economista ed ex-ministro delle Finanze in più di un governo di centrosinistra, Vincenzo Visco.

"Se ci sarà un vincitore chiaro delle elezioni - spiega - fanno il governo e presentano la legge. Ed è lì - aggiunge - che cominciano i dolori, perché il centrodestra ha già detto che vogliono fare 50 miliardi di scostamento di bilancio, il che significa che come minimo lo spread schizzerà".

Andando sull'attualità alla domanda di commentare gli "otto punti" del programma del centrodestra illustrati da Berlusconi, Visco risponde: "E' la solita demagogia, e di fronte a queste proposte mi chiedo se queste persone si rendano conto della situazione. È inquietante".

Tornando alle dimissioni di Mario Draghi, per Visco "era chiaro che M5s volesse sganciarsi dalla maggioranza e ha fatto questa operazione".

"Draghi - ha aggiunto - ha usato questa cosa per sollecitare un chiarimento e si è capito, da quello che ha detto nel suo discorso al Senato, che lui ritenesse che i prossimi sarebbero stati mesi inutili per il governo, per responsabilità principalmente della Lega. Ora, in una situazione del genere, con la destra pronta per le elezioni, mi pare che la reazione del Pd sia stata poco meditata: se i progressisti si presentano divisi al maggioritario non prendono nemmeno un seggio. La ragione - conclude - vorrebbe che si facessero almeno degli accordi di desistenza".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli