Visco: mancanza lavoro ha spinto 1 mln giovani all’estero in 10 anni

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 31 mag. (askanews) - "Nell'ultimo decennio la mancanza di adeguate occasioni di lavoro ha spinto quasi un milione di italiani, molti dei quali con un'istruzione elevata, a trasferirsi all'estero; per converso sono in calo, e spesso con profili poco qualificati, le persone che dall'estero si stabiliscono in Italia: si avverte la carenza di coerenti politiche di pianificazione dei flussi, di formazione e di integrazione". Lo ha messo in rilievo il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, nelle Considerazioni finali all'Assemblea dei partecipanti.

"La partecipazione al mercato del lavoro è tra le più basse in Europa, in particolare nel Mezzogiorno - ha proseguito -. Il tasso di attività delle donne, pari al 55 per cento in Italia a fronte di una media europea del 68 per cento, è inferiore di 18 punti percentuali a quello degli uomini. Per ridurre il divario vanno tra l'altro rimossi gli ostacoli che le madri incontrano nel rientrare nel mercato del lavoro dopo la nascita dei figli. I finanziamenti del Pnrr per i servizi alla famiglia costituiscono un primo passo in questa direzione".

Voz

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli