Vitalizi: Perilli, 'nessuna lezione da Formigoni, fieri di nostra battaglia solitaria'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 apr. (Adnkronos) – "Se, come dice Formigoni, il Movimento 5 Stelle è l'unica forza politica che contesta il ripristino del suo vitalizio, vuol dire che siamo gli unici a combattere una battaglia per i principi della legalità, dell'equità sociale e dell'etica pubblica nelle istituzioni. E in ogni caso non accettiamo lezioni da chi è stato condannato in via definitiva per corruzione ai danni della sanità e di tutti i cittadini della Lombardia". Lo afferma il senatore del Movimento 5 Stelle Gianluca Perilli.

"Secondo la sentenza della Commissione contenziosa del Senato, il vitalizio a Roberto Formigoni dovrebbe essere restituito cancellando una delibera interna al Senato, fatta sulla scorta della legge Severino, che stabilisce un principio sacrosanto: i politici devono essere più rigorosi degli altri cittadini e se sono condannati per gravi reati non devono più percepire quell'assegno. Per decenni la Camera e il Senato hanno regalato ai parlamentari condizioni di privilegio, per una volta che si decide che i politici devono essere più rigorosi, qualcuno afferma che a prevalere è la legge ordinaria e che il vitalizio è esattamente come la pensione di un cittadino che lavora per 40 anni. No, Per noi non è così e siamo fieri di portare avanti questa battaglia, anche da soli. Vedremo se vi sarà un secondo grado di giudizio e come si concluderà la vicenda, ma siamo certi -conclude Perilli- che tanti cittadini la pensano come noi".