Vittoria Meloni potrebbe spostare equilibrio di potere in Europa

Una foto di profilo della leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni

PARIGI/BERLINO/BUDAPEST (Reuters) - I potenti dell'Unione europea dovranno muoversi con cautela verso Giorgia Meloni se la coalizione del candidato nazionalista vincerà le elezioni del 25 settembre, per non rischiare di spingere Roma verso l'Ungheria e la Polonia, hanno detto i funzionari europei.

In gioco c'è l'equilibrio di potere all'interno dell'Ue, che deve fare i conti con le conseguenze della guerra della Russia e con le peggiori crisi energetiche e del costo della vita da diversi decenni.

Se Meloni vincerà, l'Italia potrebbe trovarsi con il governo più di destra dalla Seconda Guerra Mondiale. Sebbene la leader di Fratelli d'Italia abbia minimizzato il proprio passato di estrema destra, la politica estera ha fatto emergere delle divisioni nella sua coalizione.

A sottolineare le sfide che attendono Meloni e l'Europa, l'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, il cui partito Forza Italia fa parte della coalizione, ha detto che la Russia è stata "spinta" nella guerra in Ucraina. I suoi commenti potrebbero preoccupare gli alleati occidentali.

"Tutti gli occhi sono puntati su Roma in questo momento", ha detto a Reuters un funzionario dell'Ue.

Dopo la vittoria dei nazionalisti svedesi, a Bruxelles, Parigi e Berlino si teme la formazione di un "fronte populista" che potrebbe bloccare il processo decisionale dell'Ue proprio nel momento in cui le istituzioni europee sono al lavoro per evitare la recessione e proteggere le famiglie dall'inflazione.

Mario Draghi, premier uscente ed ex presidente della Banca centrale europea, ha aumentato il profilo e la credibilità dell'Italia sulla scena europea, ponendosi sulla strada di una profonda integrazione europea, su posizioni simili a quelle del presidente francese Emmanuel Macron.

Le intenzioni di Meloni sono meno chiare. Presenta il suo partito Fratelli d'Italia come una forza conservatrice mainstream lontana dalle sue radici post-fasciste, ma alcuni sono scettici.

"È preoccupante che un membro fondatore dell'Ue si trovi in una situazione del genere. È una minaccia per l'Ue e per l'Italia", ha detto Rolf Müntzenich, deputato del partito socialdemocratico del cancelliere tedesco Olaf Scholz.

La rivista tedesca Stern ha pubblicato in prima pagina una foto della Meloni con il commento "La donna più pericolosa d'Europa".

Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto privatamente ai funzionari dell'Ue di essere preoccupato per una vittoria di Meloni, secondo fonti a conoscenza della questione. L'Eliseo non ha risposto a una richiesta di commento. In pubblico, Macron esprime ottimismo sulle relazioni con l'Italia.

NUOVA ALLEANZA

L'Ungheria e la Polonia hanno messo alla prova gli standard democratici dell'Europa.

I sostenitori del presidente nazionalista ungherese Viktor Orban vedono nella Meloni un'opportunità per Budapest di ottenere un nuovo alleato nella sua battaglia con l'esecutivo dell'Ue.

"Orban potrà probabilmente contare sul sostegno dell'Italia nelle controversie sullo stato di diritto nell'Ue", ha detto Zoltan Kiszelly, analista del think tank filo-ungherese Szazadveg.

Anche a Varsavia, dove il governo ultraconservatore si schiera spesso con Orban, i funzionari sono ottimisti.

"I partiti di destra stanno guadagnando più consensi che mai", ha detto Zdzislaw Krasnodebskia, un parlamentare del partito polacco di governo Diritto e Giustizia. "È un'occasione per correggere la politica europea".

Meloni, nata a Roma, ha un passato di euroscetticismo e condivide le posizioni anti-immigrazione di Orban e la promozione dei valori della famiglia tradizionale.

Tuttavia, ha promesso politiche fiscali prudenti e di mantenere l'unità con i partner dell'Unione europea e della NATO nel sostenere l'Ucraina contro la Russia.

In un video in francese, inglese e spagnolo ha cercato di rassicurare i potenziali partner dell'Ue sulle sue intenzioni.

"Ho letto che una vittoria di Fratelli d'Italia a settembre sarebbe un disastro, equivarrebbe a una svolta autoritaria, significherebbe che l'Italia lascerà l'euro e altre sciocchezze. Niente di tutto questo è vero", ha detto.

Meloni è in contatto diretto con Draghi e con l'establishment italiano per facilitare la transizione di potere e garantire che l'Italia non entri in crisi in un momento di volatilità economica, hanno detto funzionari e analisti europei.

Questo per "farle capire quanto siano importanti alcune questioni e che non può sbagliare", ha detto Marc Lazar, specialista dell'Italia presso il think tank parigino Institut Montaigne.

NARRAZIONE APOCALITTICA

A Bruxelles, i funzionari non sono sicuri di come la Meloni gestirà la parte italiana del piano di ripresa europeo, che dovrebbe sbloccare 192 miliardi di euro in cambio di riforme nazionali.

C'è anche preoccupazione per l'accumulo di debito dell'Italia, con i tassi di interesse italiani che aumentano più rapidamente rispetto agli altri paesi della zona euro.

Nei prossimi giorni, secondo una fonte del governo francese, Macron dovrebbe discutere con Scholz su come affrontare il problema dell'Italia.

Parigi è stata avvertita da funzionari italiani dell'amministrazione uscente di non cercare un confronto pubblico con la Meloni per evitare di spingerla in un angolo dove potrebbe avere poca scelta se non quella di approfondire i legami con Orban.

"Quello che mi hanno detto gli italiani con cui ho parlato a Roma è stato: non buttatela nelle braccia dell'Ungheria", ha detto a Reuters una fonte del governo francese.

Macron si asterrà dalla retorica combattiva che ha rivolto a Matteo Salvini, un altro partner di coalizione di destra della Meloni, durante la campagna elettorale per le elezioni europee del 2019, che ha inquadrato come una lotta esistenziale tra "nazionalisti" e "progressisti", ha detto un secondo funzionario francese.

Pablo Simón, professore di scienze politiche presso l'Università Carlos III di Madrid, ha affermato che una vittoria della Meloni potrebbe dare energia ai partiti di estrema destra in altre parti del mondo, dato che l'aumento vertiginoso dei prezzi al consumo danneggia le famiglie.

A Washington, tuttavia, i funzionari della Casa Bianca hanno minimizzato i timori.

"Questa sorta di narrazione 'apocalittica' sulle elezioni italiane non corrisponde alle nostre aspettative", ha detto un funzionario statunitense.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Stefano Bernabei)