Vittorio Brumotti aggredito: il commento di Chef Rubio

·2 minuto per la lettura
vittorio brumotti aggredito chef rubio
vittorio brumotti aggredito chef rubio

Vittorio Brumotti, nel corso di un servizio di Striscia la Notizia, è stato aggredito ancora una volta. Ad aver sconcertato il popolo del web, oltre al pestaggio, è stato il commento ironico e fuori luogo di Chef Rubio.

Vittorio Brumotti aggredito: il commento di Chef Rubio

Nel corso di un servizio di Striscia la Notizia al Quarticciolo di Roma, Vittorio Brumotti è stato aggredito. L’inviato era sul posto con il giornalista Vincenzo Rubano e il cameraman per documentare ciò che avviene in una delle piazze di spaccio più grandi della Capitale. Gli abitanti del luogo, come li hanno avvistati, hanno dato il via a quello che è apparso come un vero e proprio pestaggio. Non a caso, le forze dell’ordine si sono viste costrette ad intervenire per evitare il peggio. Tralasciando l’aggressione e le infinite parolacce che alcuni soggetti hanno rivolto a Vittorio e ai suoi collaboratori, ad aver sconcertato il web è stato il commento di Chef Rubio. Via Twitter ha tuonato:

“Non sapete nulla del core immenso del Quarticciolo, voi giornalisti da strapazzo vi dovreste vergognare per la propaganda infame che riservate a chi è abbandonato dallo Stato e resiste, nonostante tutto, con dignità e umanità. Brumotti sei un infame, troppe poche te n’hanno date”.

Chef Rubio difende la ‘gente’ del Quarticciolo e si scaglia contro Brumotti definendolo “infame“. Non solo, il cuoco sostiene che Vittorio abbia ricevuto pochi ceffoni rispetto a quelli che avrebbe meritato. Peccato, che Gabriele Rubini non abbia capito il senso dei servizi di Striscia la Notizia. E’ chiaro anche ad un bambino che al Quarticciolo, così come tante altre località “popolari” italiane, ci sono anche cose belle da mostrare. Ma un servizio di denuncia, in questo caso di droga, non può mostrare che in loco “c’è una palestra costruita dagli abitanti del quartiere, c’è un doposcuola popolare portato avanti dai ragazzi/e della borgata” e via dicendo.

chef rubio
chef rubio