Vittorio Feltri contro Laura Ravetto: è battaglia su Twitter

vittorio feltri direttore

Battaglia sui social tra Vittorio Feltri e la deputata di Forza Italia Laura Ravetto: il direttore di Libero attacca la deputata, accusandola di aver “sfruttato e abbandonato” Silvio Berlusconi insieme ad altri suoi illustri colleghi. Cosa che alla Ravetto sembra non essere andata giù, e che risponde a tono al direttore.

Feltri e Ravetto, battaglia su Twitter

Silvio Berlusconi “sfruttato e abbandonato”. A parlare, o meglio scrivere, è Vittorio Feltri in un articolo uscito su Libero domenica 4 agosto, dove il direttore del quotidiano ripercorre la storia del partito di Forza Italia e del suo leader. Una lettera a Silvio, dove Feltri gli suggerisce di non prendersela oggi con i nuovi “capi” – Matteo Salvini “piglia tutto”, ma con gli ex fedelissimi, che hanno voltato le spalle all’ex premier. Partendo da qualcuno come Giovanni Toti, che l’ha prontamente scaricato – e pure in malo modo, ma anche su deputati come Laura Ravetto su cui il direttore scrive: “Stendo un velo pietoso su Laura Ravetto nonché su vari deputati vicini alla Gelmini, un esodo disgustoso”. A veder bene la pronta reazione della Ravetto su Twitter, è chiaro come la cosa non le sia andata giù e la risposta non si è fatta attendere: “Un giorno di questi mi rompo i c*** e inizio a raccontare i commenti al veleno su Berlusconi che mi sono stati detti negli anni da sti/ste signori/e che in queste ore tentano di additarmi come traditrice/golpista sui giornali per passare come novelli lealisti”. Il riferimento, chiaro, a chi l’avrebbe accusata di volersi liberare da Forza Italia per avvicinarsi al partito di Matteo Salvini, dopo la sua presenza alla convention di Toti al teatro Brancaccio.

La risposta di Feltri

Lunedì 5 agosto Feltri ha però messo ulteriore carne sul fuoco alla querelle, o almeno così sembrerebbe. Sempre su Twitter, il direttore riporta l’ultima risposta della deputata: “Laura Ravetto di Forza Italia (per ora) mi scrive: Quello che intendo fare e dove voglio andare sono ca*** miei“. A cui risponde senza mezzi termini: “Ci rallegriamo con lei per tutti i ca*** cui deve badare”. Con lo scontro che continua, questa volta sull’edizione cartacea di Libero, dove Fausto Carioti firma un articolo nella quale riporta le ultime parole della Ravetto: “Non sono io da mettere fra i traditori di Silvio”.