Vittorio Feltri presenta il suo nuovo libro: “L’Irriverente”

vittorio feltri libro

In libreria con l’ultima pubblicazione troviamo “L’Irriverente” di Vittorio Feltri, per Mondadori. Un libro che ripercorre l’intera carriera giornalistica e personale di uno dei personaggi più discussi dell’editoria moderna. Un libro che il direttore di Libero ha presentato a Roma giovedì 7 novembre, in una conferenza dove si è dato spazio a numerosi argomenti.

Il nuovo libro di Vittorio Feltri

Vittorio Feltri firma con Mondadori il suo ultimo libro, “L’Irriverente, memorie di un cronista”. Un testo particolare, che ripercorre l’intera carriera giornalistica del direttore di Libero attraverso un lungo racconto lavorativo e personale. Feltri afferma di non aver mai voluto comandare, da qui la decisione di rimanere cronista, come affermato anche alla presentazione del libro avvenuta a Roma giovedì 7 novembre. Un momento dove si è parlato di tante cose, non solo dell’Irriverente, e dove un resoconto è stato fatto da Il Tempo, che cita Feltri riportando una battuta del libro messa a mo’ di lezione di vita: “Una volta mi hanno chiesto cosa farei se trovassi mia moglie a letto con un altro. Ho risposto: le direi di cambiare le lenzuola”.

Quella volta con Pannella

Uno stralcio molto particolare dell’Irriverente è stato pubblicato sul Tempo, ovvero l’incontro con Marco Pannella in occasione del processo Tortora. Lì, il direttore di Libero, si lascia andare ai ricordi, raccontando quella particolare giornata: “Fu lui a telefonarmi dopo avere letto i miei servizi sul Corriere della Sera. Io non ero assolutamente innocentista, tuttavia i miei articoli, mettendo in risalto l’improbabilità delle accuse rivolte al presentatore”. A cui, come in questi momenti accade, seguono i ricordi di tutte le esperienze successive, e dove Feltri dedica particolare attenzione al periodo in cui accompagnò, per la sua campagna elettorale, Pannella in aereo. Un mezzo definito “antiquato” da Feltri, che rimase terrorizzato dal loro viaggio sul velivolo: “Pensavo: Chi diavolo me lo ha fatto fare? Se crepo qui con Pannella, lascio una moglie e quattro figli”.