Vittorio Sgarbi nei guai, cosa è successo

·1 minuto per la lettura

Vittorio Sgarbi è di nuovo nella bufera. Il celebre critico d'arte è finito sotto inchiesta, questa volta per aver provato a vendere illecitamente un quadro all'estero. Come riporta La Repubblica, si tratta di una preziosa tela del pittore Valentin de Boulogne che Sgarbi ha tentato di vendere pur non essendo in possesso dell'attestato di libera circolazione o licenza di esportazione. 

LEGGI ANCHE: Stash indagato per ricettazione: guai per il cantante dei The Kolors

Per esportare all'estero opere d'arte, infatti, bisogna essere in possesso di questo documento. I carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale hanno riportato in Italia, dal principato di Monaco, l'opera dal titolo "Concerto con bevitore", realizzato tra il 1623 e il 1624. Il valore stimato è di 5 milioni di euro.

I carabinieri hanno ricostruito tutte le fasi della vendita: il prelievo dell'opera e il suo trasferimento dal nord Italia a un appartamento nel territorio del Principato di Monaco. L'illecita esportazione, scrivono ancora i carabinieri in una nota, "aveva l'obiettivo di mettere in commercio l'opera sul mercato internazionale dell'arte, attraverso l'opera di mercanti d'arte e collezionisti e utilizzando uno stand espositivo presso una nota fiera d'arte internazionale". Al momento risultano indagate dalla procura di Siracusa cinque persone (anche la storica compagna Sabrina Colle), le cui accuse vanno dall'esportazione illecita al reato transnazionale in concorso.

L'opera sarebbe stata prelevata dalla casa del critico d'arte a Ro Ferrarese e consegnato a Montecarlo a una signora di Cagliari, che aveva l'obiettivo di piazzarla sul mercato internazionale. Quando Sgarbi è venuto a conoscenza del sequestro del quadro, ha fatto subito ricorso al tribunale del Riesame. L'udienza ci sarà a luglio.

GUARDA ANCHE - Sgarbi, rivelazione shock in Parlamento

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli