Vittorio Sgarbi su Facebook: furia contro ladri della schiuma da barba

vittorio sgarbi facebook

Vittorio Sgarbi ha pubblicato su Facebook un video in cui sfoga tutta la sua rabbia per un fatto accaduto all’aeroporto Catullo di Verona. Il critico d’arte e deputato del gruppo Misto, perde la pazienza quando si accorge di non avere più in suo possesso la schiuma da barba. L’oggetto gli era stato sequestrato dagli addetti alla sicurezza dell’aeroporto veronese probabilmente perché non la quantità non era conforme a quella consentita per il trasporto. Il video mostra come Sgarbi, intento a farsi la barba nel bagno di un hotel, sfoghi tutto il suo disappunto per quanto successo promettendo di verificare, in Parlamento, le normative sulla sicurezza dei voli.

Vittorio Sgarbi su Facebook

“Quando ho passato i controlli” dice Sgarbi davanti allo specchio del bagno “ho scoperto che la schiuma da barba, nella borsa della mia collaboratrice, non c’era. Chi ha fatto queste regole di mer**? Vergognatevi! Ladri, ladri!”.

La questione sembra aver colpito molto Sgarbi il quale fa sapere di voler andare in fondo a questa storia: “Ho deciso di aprire un azione giudiziaria perché non capisco come una persona che viaggia e porta la schiuma da barba debba vedersela rubata e sequestrata da gente incapace che crede che sia un pericolo per la sicurezza. Hanno rotto i cogl****”.

Lunedì 23 Dicembre 2019, Vittorio Sgarbi aveva denunciato degli insulti pubblicati sulla sua pagina di Facebook. Stando a quanto riportato sui social dal critico, il responsabile è Davide Cascino, il quale avrebbe commentato un post di Sgarbi scrivendo: “Muoiono tante persone innocenti e tu Vittorio Sgarbi non ti chiama il Signore. Sei un essere inutile. Strilli per che cosa fallito”.