Vivaismo, Tesi (Coldiretti) in cda Fondazione Filiera Italia

Xfi

Firenze, 27 gen. (askanews) - Il vivaismo toscano, con Fabrizio Tesi, entra nel consiglio di amministrazione di Fondazione Filiera Italia, la nuova realtà che riunisce il meglio della produzione agricola nazionale, rappresentata da Coldiretti, dell'industria alimentare, con oltre 60 protagonisti nazionali, e della distribuzione, ora allargata alle più importanti componenti del sistema Paese.

Tesi, presidente di Coldiretti Pistoia e rappresentante legale di Giorgio Tesi Group, collaborerà con Enzo Moavero Milanesi eletto presidente della Fondazione al primo consiglio di amministrazione di Fondazione Filiera Italia che vede anche Vincenzo Gesmundo, segretario generale di Coldiretti, come vicepresidente vicario e Luigi Scordamaglia, AD Inalca/Cremonini, nella carica di consigliere delegato.

"Fondazione Filiera Italia mette insieme le principali realtà della filiera agricola, aziende private e cooperative, eccellenze produttive assolute del made in Italy e grande distribuzione. In questo contesto -spiega Fabrizio Tesi, presidente di Coldiretti Pistoia- sono orgoglioso di assumere un ruolo importante per portare il contributo del florovivaismo alla crescita dell'agricoltura italiana. Siamo un settore che fornisce un bene sempre più necessario per temperare gli effetti del cambiamento climatico. Il verde urbano e non solo, al pari della buona alimentazione, è, e sarà sempre di più, strategico elemento di benessere collettivo. Fondazione Filiera Italia favorirà lo sviluppo e l'innovazione anche nel settore vivaistico"

La Fondazione è una realtà dove le storiche eccellenze come Antinori si sono unite alle grandi imprese private come Bonifiche Ferraresi, l'unica società agricola quotata in borsa, si sono aggiunte quelle cooperative come Granarolo, l'importante gruppo lattiero caseario nazionale e la compagine sociale, dall'agricoltura e all'industria, si è allargata a Conad, l'importante gruppo distributivo italiano.