"Vogliamo eliminare o ridurre bollo auto"

webinfo@adnkronos.com
"Visto che lo spread si è abbassato si potrebbe eliminare una tassa odiosa come quella del bollo auto". Lo ha detto Luigi Di Maio a 'Unomattina'. "Il nostro obiettivo è entro fine anno avere o una consistente riduzione o che lo si possa abolire davvero. Le risorse le dobbiamo mettere insieme, ma se riduciamo il costo del lavoro e cominciamo a togliere qualche balzello, abbiamo più occasioni" ha aggiunto il vicepremier, che si è detto "sicuro sull'esecutivo: è ingiusto che si minacci ogni giorno una crisi di governo".  "Se avessi avuto il minimo sospetto che Lega avesse preso soldi dalla Russia non starei al governo con loro" ha poi detto Di Maio, parlando del Russiagate. Lasciandosi però andare ad una critica nei confronti degli alleati di governo, parlando del voto dell'europarlamento sulla Commissione Ue: "Il rischio è che la Lega stia isolando l'Italia con il suo atteggiamento e poi, se avremo bisogno di aiuto, saremo come la Grecia. Ma noi vogliamo far contare l'Italia".  E proprio sulla questione europea è tornato anche Salvini. "5Stelle e Pd? Da due giorni sono già al governo insieme, per ora a Bruxelles" ha detto il ministro dell'Interno, parlando dell'elezione di Von der Leyen a presidente della Commissione Ue con i voti del M5S. "Tradendo il voto degli Italiani che volevano il cambiamento, i grillini hanno votato la presidente della nuova Commissione europea proposta da Merkel e Macron, insieme a Renzi e Berlusconi" è l'accusa di Salvini. "Una scelta gravissima, altro che democrazia e trasparenza''.

"Visto che lo spread si è abbassato si potrebbe eliminare una tassa odiosa come quella del bollo auto". Lo ha detto Luigi Di Maio a 'Unomattina'. "Il nostro obiettivo è entro fine anno avere o una consistente riduzione o che lo si possa abolire davvero. Le risorse le dobbiamo mettere insieme, ma se riduciamo il costo del lavoro e cominciamo a togliere qualche balzello, abbiamo più occasioni" ha aggiunto il vicepremier, che si è detto "sicuro sull'esecutivo: è ingiusto che si minacci ogni giorno una crisi di governo".  

"Se avessi avuto il minimo sospetto che Lega avesse preso soldi dalla Russia non starei al governo con loro" ha poi detto Di Maio, parlando del Russiagate. Lasciandosi però andare ad una critica nei confronti degli alleati di governo, parlando del voto dell'europarlamento sulla Commissione Ue: "Il rischio è che la Lega stia isolando l'Italia con il suo atteggiamento e poi, se avremo bisogno di aiuto, saremo come la Grecia. Ma noi vogliamo far contare l'Italia".  

E proprio sulla questione europea è tornato anche Salvini. "5Stelle e Pd? Da due giorni sono già al governo insieme, per ora a Bruxelles" ha detto il ministro dell'Interno, parlando dell'elezione di Von der Leyen a presidente della Commissione Ue con i voti del M5S. "Tradendo il voto degli Italiani che volevano il cambiamento, i grillini hanno votato la presidente della nuova Commissione europea proposta da Merkel e Macron, insieme a Renzi e Berlusconi" è l'accusa di Salvini. "Una scelta gravissima, altro che democrazia e trasparenza''.