"Voglio essere amato": la sofferenza di De Marco nelle pagine del diario

·2 minuto per la lettura
diario killer omicidio lecce
diario killer omicidio lecce

Gli inquirenti che indagano sull’omicidio della coppia di Lecce hanno ritrovato il diario segreto del killer Antonio De Marco. Nelle pagine iniziali, l’assassino esprime tutta la sua fragilità e il desiderio di essere amato, trasformate in seguito in rabbia e invidia per la storia d’amore tra Eleonora Manta e Daniele De Santis.

Omicidio Lecce, il diario del killer

Spuntano nuovi retroscena sul caso dell’omicidio di Lecce: gli inquirenti, infatti, hanno trovato il diario di Antonio de Marco, il killer che lo scorso 21 settembre ha ucciso Daniele De Santis ed Eleonora Manta.

In questo diario, l’assassino riporta a parole tutta la sua fragilità psicofisica, annotando tutti i passaggi di un delitto premeditato: “Ho comprato qualche attrezzo…voglio uccidere qualcuno, voglio farlo a pezzi. Ho accettato la stanza, nella stessa casa di F., e ho già le chiavi e da qui quando andrò via potrò uccidere Daniele…mi piacerebbe una donna per prima, ma penso che così sarà una buona base di partenza“.

Mercoledì ho avuto una crisi mentre stringevo un cuscino, ho pensato che a differenza mia gli altri abbracciano delle vere ragazze e così sono scoppiato a piangere”, continua a sfogarsi nel suo diario De Marco, a pochi giorni dall’efferato delitto della coppia.

La sofferenza di non essere amati

Motivi per cui noi non siamo normali”, così scrive a penna rossa come incipit del suo diario l’assasino, per poi aggiungere: “Parlare sempre al plurale; la bestia che sento dentro quando piango; il rifiuto dei 18 anni“.

Nelle pagine successive, ecco svelare i motivi della sua sofferenza e il movente che lo ha spinto ad uccidere la coppia leccese: “Ogni giorno che passa sembra che divento sempre meno amato, ma che ci posso fare? Non è colpa mia se nessuna mi ama!“.