Vogliono chiamare la figlia "Nutella", ma lo Stato dice no

A volte le scelte dei genitori in fatto di nomi per i nuovi nati possono essere decisamente bizzarre. Alcuni stati hanno delle leggi più o meno severe, volte a tutelare i bambini dalle stravaganze delle famiglie in fatto di nomi. In Francia sono tornate utili nel caso di due bambine a cui i loro genitori volevano dare i nomi "Fragola" e "Nutella". Lo Stato ha impedito loro di applicare queste scelte.

Leggi anche: I nomi più bizzarri scelti in Italia

La prima coppia a suscitare qualche alzata di sopracciglio nell'ufficio dello stato civile, aveva scelto per la propria piccola il nome "Nutella". L'incaricato aveva cercato di far cambiare idea ai genitori, ma è dovuto intervenire il tribunale della famiglia di Valenciennes, città francese nel dipartimento del Nord. La Procura ha infatti giudicato la scelta del nome "Nutella" "in contrasto con l'interesse del bimbo": l'appellativo potrebbe infatti "attrarre scherno" e "osservazioni sgarbate". Il nome assegnato dalla corte è stato "Ella": chissà come l'avranno presa i genitori, che al momento della sentenza non erano in aula...

La seconda coppia vive a Raismes e avevano scelto per la loro bambina il nome "Fraise", che in francese significa "Fragola". Ma secondo i giudici, anche questo nome potrebbe essere "oggetto di presa in giro". La Procura ha così consigliato i genitori di optare per "Fraisine", nome antico risalente al 19esimo secolo.

In Francia i genitori sono liberi di scegliere quale nome dare ai propri figli, ma al momento della registrazione dell'atto di nascita la scelta è suscettibile di variazione, se si avverte il rischio di ledere l'interesse del bambino. In quel caso il funzionario comunale può informare il procuratore.