Vola sul Kitesurf col costume tradizionale della Sardegna

Maddalena Brunetti
·2 minuto per la lettura

AGI - In abito sardo sul kitesurf, perché la pandemia ha bloccato tutte le manifestazioni, ma non ha fermato la passione per le tradizioni di Irene Murru - 28 anni di Oristano - che ha deciso di indossare il suo costume tradizionale per volare tra le onde dello stagno di Cabras. Un progetto nato dall'amore per la Sardegna e la voglia di superare le proprie paure. "Quando ho saputo che a causa del Covid la Sartiglia (il Carnevale di Oristano, che con la corsa a cavallo per centrare la stella è uno dei piu' suggestivi d'Italia, ndr) sarebbe saltata, ho deciso di dare vita a questo progetto", spiega Murru che ha sempre sfilato in abito tradizionale, prende lezioni di ricamo sardo e ama fare i tipici dolci locali: le 'zippule' per Carnevale.

Il 'kite' per evadere

 "Il kitesurf è uno sport che amo moltissimo e che pratico da tre anni. Quando sono sulla tavola non penso a nulla, sono libera e concentrata su quello che faccio", racconta Irene all'AGI. "Ed è anche un bel modo per staccare dalla situazione che stiamo vivendo. La pandemia ha fermato tutto, ma posso fare sport individuale. Se penso che tutto è nato dalla mia fobia per l'acqua quasi non ci credo. Sì, ero così spaventata che non riuscivo nemmeno a fare il bagno al mare. Mia figlia, però, mi chiedeva sempre di accompagnarla in acqua così ho deciso di affrontare le mie paure. Terapia d'urto: ho scelto il kitesurf".

Un costume per sempre

"Io sono convinta che il costume sardo debba vivere sempre, non solo per le sfilate", dice Irene che per questo si è fatta confezionare un abito pratico. Un costume che potesse essere usato anche per volare sul kitesurf con "un pizzico di follia" o per "cucinare 'zippule' o sbrigare le faccende domestiche come facevano le nostre nonne", tiene a precisare Murru, anche per rispondere a qualche polemica nata sui social, tra chi le ha contestato un uso non "ortodosso" dell'abito sardo. Le sue foto e i suoi video - realizzati rispettivamente da Silvia Cabella e Mirco d'Amico - hanno invaso il web e lei ha esternato soddisfazione per essere riuscita a unire due grandi passioni: quella per lo sport e quella per le tradizioni.