Volkswagen avvia la produzione della ID.3 a Dresda

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Il 29 gennaio scorso Volkswagen ha avviato l'assemblaggio in serie della ID.3 sulle linee di produzione della fabbrica di vetro di Dresda. Lo stabilimento diventa così il secondo a produrre la compatta 100% elettrica, nonché il quarto sito costruttivo al mondo delle auto Volkswagen basate sulla piattaforma modulare elettrica MEB dopo Zwickau e le fabbriche cinesi di Anting e Foshan. Insieme, questi quattro stabilimenti hanno una capacità produttiva massima di oltre 900.000 vetture l'anno.

Questo inizio apre inoltre un nuovo capitolo: nei prossimi anni la fabbrica di vetro diventerà il centro di riferimento per la gamma ID. ed i suoi modelli. Per l'impianto l'obiettivo è diventare una vetrina dell'elettrico Volkswagen grazie all'offerta rivolta a clienti, visitatori ed ospiti di un'esperienza completa della gamma ID che va dalla consulenza all'acquisto ai test di guida, visite alle linee di produzione, eventi speciali, assemblaggio dell'auto da parte dei clienti, fino alla consegna.

Dall'apertura nel 2001 la fabbrica ha realizzato l'ammiraglia Phaeton (84.235 unità dal 2001 al 2016), la Bentley Flying Spur (2.186, 2005-2006 e 2013-2014) e dal 2017 la e-Golf (50.401). Quest'ultima ha anche rappresentato l'inizio della trasformazione strategica del sito in un centro per la mobilità del futuro. Un ulteriore fulcro della riconversione strategica è lo sviluppo di un centro per la sperimentazione di progetti pilota innovativi, da applicare poi sulla produzione in larga scala degli stabilimenti Volkswagen. I prossimi siti che si stanno già preparando per produrre auto basate sulla piattaforma MEB sono le fabbriche tedesche di Emden e Hannover e quella di Chattanooga negli Stati Uniti.