Volkswagen, Diess: elettrico ha vinto, faremo termico dove serve

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 16 mar. (askanews) - "La mobilità elettrica ha vinto ma ci vorranno due cicli di vita di prodotti perché si affermi, noi continueremo a produrre i motori termici dove è necessario". Lo ha detto il Ceo di Volkswagen, Herbert Diess, durante la presentazione dei conti annuali. Il gruppo punta a raddoppiare la produzione di veicoli elettrici, raggiungendo quota un milione nel 2021.

La vicenda diesel e lo sforamento delle emissioni hanno pesato per 2,5 miliardi sui conti Volkswagen e l'impatto si vedrà "ancora per qualche tempo".

Quanto ai conti 2020, delle singole divisioni, Volkswagen auto ha registrato un utile operativo di 454 milioni di euro in calo dell'88%, pari a un margine del 4,8% (7,6% nel 2019). Il risultato operativo di Audi è stato di 2,74 miliardi in calo del 39,3% pari a un margine del 5,5% (8,1% nel 2019), con un impatto per la questione diesel di 200 milioni. Seat ha registrato una perdita operativa di 339 mln rispetto all'utile di 445 mln del 2019, pari a un margine negativo del -3,7%. In calo anche il risultato operativo di Bentley pari a 20 milioni (65 mln in 2019) con un margine dell'1%. Numeri record invece per Porsche che nel 2020 ha riportato un margine operativo di 4 miliardi (-4,5%) pari a un margine del 15,4%

In rosso i Veicoli Commerciali che hanno registrato una perdita operativa di -454 mln rispetto ai 510 mln del 2019 pari a un margine negati del -4,9%. In questo caso c'è un esborso per emissioni di 430 milioni di euro. In sofferenza anche i mezzi pesanti: l'utile operativo di Scania è diminuito del 53% a 748 milioni (1,5 mld in 2019) pari a un margine del 6,5% che è tornato "quasi" al 10% già nel quarto trimestre 2020. Man invece ha registrato una perdita operative di -633 mln, (+402 milioni nel 2019), pari a un margine negativo del -5,8%. Infine il risultato operativo dei servizi finanziari è stato di 3 miliardi rispetto ai 3,2 miliardi del 2019.