Volo della Aeronautica Militare per salvare neonato di 20 giorni

Cro/Ska

Roma, 22 ago. (askanews) - Un aereo Falcon 900, partito dalla base militare di Ciampino, sede del 31° Stormo dell'Aeronautica Militare, è decollato poche ore fa alla volta di Cagliari per imbarcare un neonato di soli 20 giorni di vita bisognoso di cure urgenti. Per il trasporto del piccolo è stata usata una speciale culla termica di cui il velivolo è dotato.

Giunto a Cagliari, l'equipaggio dell'Aeronautica si è attivato per consentire l'imbarco immediato del bimbo insieme ai genitori ed una equipe medica del Policlinico Universitario Monserrato (CA), dove il piccolo era ricoverato. Il volo salva-vita, avvenuto con la massima urgenza sulla tratta Cagliari - Milano Malpensa, si è concluso poco prima delle 15:00. Giunti sull'aeroporto lombardo un'ambulanza ha consentito il successivo trasporto del piccolo verso il Policlinico San Donato (MI).

Ad attivare le procedure di volo sanitario è stata la Prefettura di Cagliari contattando la Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell'Aeronautica Militare che ha, tra i suoi compiti, anche quello di coordinare questo genere di attività a favore della popolazione civile, su tutto il territorio nazionale.

Il Falcon 900 è solo uno degli assetti che l'Aeronautica Militare mantiene in prontezza operativa ogni giorno, 24 ore su 24, per prestare soccorso alla collettività. Attraverso i suoi Reparti di Volo infatti, l'Aeronautica Militare mette a disposizione mezzi ed equipaggi pronti a decollare in qualunque momento ed in grado di operare anche in condizioni meteorologiche avverse, per assicurare il trasporto urgente non solo di persone in imminente pericolo di vita, come accaduto oggi per il piccolo paziente, ma anche di organi ed equipe mediche per trapianti.

Sono centinaia ogni anno le ore di volo effettuate per questo genere di interventi dagli aerei del 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare e della 46a Brigata Aerea di Pisa.