Volvo rilancia su heritage, potenziato il Registro Italiano

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Per rispondere alle nuove sfide della mobilità del futuro Volvo rafforza le sue attività legate al concetto di Heritage che ora "acquisiscono un più preciso significato in termini di customer experience". Lo spiega la filiale italiana della casa svedese aggiungendo che "in base alla nuova interpretazione, il contesto Heritage si afferma una volta di più come fonte di autenticità di ciò che è oggi Volvo nelle sue caratteristiche di assoluta avanguardia". Da qui la decisione di non limitare l’iscrizione al Registro Italiano Volvo - una delle strutture di questo tipo più attive a livello nazionale (e non solo) - ai possessori di vetture d’epoca, come accaduto fino a oggi, bensì di allargare la possibilità di adesione anche a clienti Volvo proprietari di modelli recenti così da "stabilire un collegamento, senza soluzione di continuità, fra l’esperienza e la modernità" evidenziando i tratti comuni dello sviluppo di Volvo, un marchio "rimasto fedele a se stesso pur nelle inevitabili evoluzioni avvenute nel tempo".

La 'rivisitazione' dell'Heritage Volvo è accompagnata da un parziale rinnovo dell'organigramma del Registro - con la conferma di Michele Crisci, Presidente Volvo Car Italia, nel ruolo di Presidente del Registro e Gianluca Fabbri nel ruolo di Coordinatore e Commissario Tecnico ASI - e dal varo di una nuova sezione Heritage News nell’ambito del sito www.volvocars.com/it pensata per raccontare storie di auto e di persone , affidata a Marco Visani.

“Ho sempre pensato e affermato che i soci del Registro Volvo fossero i migliori ambasciatori del nostro marchio, per l’entusiasmo e per la estrema competenza che li contraddistingue. Abbiamo dunque voluto che la loro esperienza di ‘volvisti’ fedeli e per noi ‘speciali’ avesse, una volta di più, il giusto riscontro. E dato che Heritage non significa nostalgia bensì ponte fra passato e presente, abbiamo pensato di allargare il Registro anche a chi non possiede una Volvo d’epoca ma è, semplicemente, un cliente Volvo di oggi e come tale apprezza il nostro marchio, i nostri prodotti e i contenuti che esprimono" afferma Crisci.