Von der Leyen: "Sanzioni alla Russia fino a gennaio 2023" e stop al suo oro

Dursun Aydemir / Anadolu Agency / Afp

AGI - “La brutale guerra della Russia contro l'Ucraina continua senza sosta. Pertanto, proponiamo oggi di rafforzare le nostre pesanti sanzioni dell'Ue contro il Cremlino, applicarle in modo più efficace ed estenderle fino a gennaio 2023. Mosca deve continuare a pagare un prezzo alto per la sua aggressione", lo afferma la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

La Commissione europea ha introdotto in particolare il divieto di importazione dell'oro russo, e rafforzando nel contempo i controlli sull'esportazioni europee delle tecnologie a duplice uso.

Il nuovo pacchetto ribadisce inoltre che le sanzioni dell'Ue non colpiscono in alcun modo il commercio di prodotti agricoli tra Paesi terzi e la Russia. Allo stesso modo, il testo chiarisce l'esatta portata di alcune sanzioni finanziarie ed economiche.

Infine, si propone di prorogare di sei mesi le attuali sanzioni fino alla prossima revisione alla fine di gennaio 2023.

Il pacchetto sarà ora discusso dagli Stati membri in sede di Consiglio in vista della sua adozione. 

“Le sanzioni dell'Ue sono dure e colpiscono forte. Continuiamo a prendere di mira coloro che sono vicini a Putin e al Cremlino. Il pacchetto di oggi riflette il nostro approccio coordinato con i partner internazionali, compreso il G7. Oltre a queste misure, presenterò anche proposte al Consiglio per aggiungere nella blacklist più persone ed entità". Lo afferma l'Alto rappresentante dell'Ue per la Politica estera, Josep Borrell, commentando il rafforzamento del pacchetto di sanzioni di Bruxelles contro Mosca.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli