Von der Leyen, via libera alla Commissione: “Venezia questione vitale”

von der leyen venezia

Dopo l’acqua alta, per la laguna è il momento di pensare alla ricostruzione e alla prevenzione di simili episodi in futuro, a partire dal completamento del tanto discusso Mose. Di Venezia sommersa si parla anche in Europa, a partire dalla presidente di Commissione Ursula Von der Leyen che, rivolgendosi agli eurodeputati, ha definito la salvaguardia della città italiana “una questione vitale” per l’intera Unione.

Via libera alla Commissione

Il Parlamento europeo ha dato il via libera alla Commissione presieduta da Ursula von der Leyen. Sono stati 461 i voti favorevoli, 157 i contrari e 89 gli astenuti.

Von der Leyen su Venezia

Von der Leyen si è presentata davanti ai parlamentari europei per chiedere i voti necessari all’avvio del suo mandato, previsto per il 1 dicembre. “Noi siamo pronti. Sostenetemi e mettiamoci a lavorare insieme per un nuovo inizio dell’Europa”, è l’appello della presidente di Commissione. Tra le priorità degli Stati membri deve necessariamente esserci la difesa dell’ambiente, tema caldo del 2019 anche grazie all’effetto dei movimenti giovanili ispirati da Greta Thumberg. “Prima l’Europa si muove, maggiori saranno i vantaggi per i cittadini. Venezia sott’acqua è una questione vitale”, ma non solo. Tra le emergenze da affrontare ci sono anche “le foreste in Portogallo colpite da incendi e la siccità in Lituania. È successo anche in passato, ma non possiamo perdere neanche un secondo“.

Verso il Green Deal europeo

L’Europa deve porsi come “soggetto in grado di definire gli standard globali, ma è evidente che dobbiamo portare con noi il mondo intero a convergere sugli obiettivi. Serve una parità di condizioni di mercato, accordi commerciali che contengono una parte sulla sostenibilità ambientale”, continua Von der Leyen. L’Unione ha compiuto un primo importante passo con il Green Deal europeo, al centro del quale “ci sarà la strategia industriale” e che “ci aiuterà a ridurre le emissioni, favorendo la creazione di posti di lavoro”.