La scelta Rousseau sulle Regionali spacca ulteriormente M5S. Di Maio ammette: "Sono in difficoltà"

HuffPost
Buffagni e Di Maio

La scelta del Movimento 5 stelle di far decidere ai militanti su Rousseau se presentarsi alle elezioni regionali del 26 gennaio in Emilia Romagna e Calabria ha provocato più di un malumore. Tanto che il coordinatore dei 5 stelle in Calabria, Paolo Parentela, ha mollato la propria carica. E sulla pagina Facebook del Movimento emiliano si invita a votare “no” al quesito. Sulla vicenda lapidario il commento del viceministro dello Sviluppo Economico, Stefano Buffagni: “Il momento di debolezza del M5s è conclamata, ma è più profonda di quello che attiene la scelta di non candidare esponenti nelle regioni che andranno al voto, e richiede un momento di discussione come quella che avremo a marzo”.

E anche il leader Luigi Di Maio ammette: “Sicuramente il Movimento è in un
momento difficoltà e lo ammetto prima di tutto io. C’è bisogno di mettere a posto alcune cose”.

 

Parente: “Lascio la carica di coordinatore”. “Con il voto di oggi su Rousseau - afferma -, i vertici del Movimento 5 Stelle scelgono di non scegliere, deludono le migliaia di attivisti calabresi che con sacrifici e rischi hanno sempre lavorato sul territorio, ignorano il percorso che abbiamo già avviato e scaricano su tutti gli iscritti la responsabilità di una scelta inquadrata in termini profondamente sbagliati. Gli stessi vertici hanno messo in gioco, cioè, il futuro del Movimento piuttosto che quello dei cittadini della Calabria e dell’Emilia Romagna, ai quali essi dovranno spiegare il perché della rinuncia a presentarci alle rispettive Regionali, nel caso in cui dovesse prevalere questo orientamento”. E aggiunge: “Per coerenza le dimissioni immediate dall’incarico di coordinatore del Movimento 5 Stelle per la campagna elettorale relativa alle Regionali della Calabria”.

“Non c’è alcun nesso - sostiene Parentela - tra l’annunciata riorganizzazione del Movimento 5 Stelle, l’ennesima da circa un anno, e la scelta di chiedere agli iscritti di ogni parte...

Continua a leggere su HuffPost