Vuoi avere più soldi, salute e successo? Allora diventa un ritardatario cronico!

I pregi dell'essere ritardatari cronici? Fare soldi e vivere bene

Quante volte vi è capitato di dover aspettare qualcuno per intere mezz'ore nonostante voi avete fatto di tutto per arrivare in orario? Parecchie, ne siamo sicuri, ma purtroppo vi diciamo che i ritardatari cronici – e ce n’è uno in ogni compagnia di amici o in ogni gruppo di lavoro – non lo fanno apposta a farsi desiderare: hanno soltanto una percezione diversa del tempo (PROVATE CON LA TECNICA DEL POMODORO PER RIORGANIZZARE BENE I TEMPI) e soprattutto le loro azioni sono dettate da un approccio ottimista e totalizzante, tanto che finiscono per perdere di vista l’orologio.

LEGGI ANCHE: —  Bevi caffè per restare sveglia e finire il lavoro? Occhio, ecco cosa rischi

Per i ritardatari cronici, e non parliamo di chi è svogliato e pigro, non si tratta di disorganizzazione o di ribellione al sistema o di tattiche per apparire più forti o di scarso rispetto verso l’altro: questa categoria di persone, infatti, non vive il tempo in maniera lineare e soprattutto a lavoro si immerge completamente nei progetti che segue, sfrutta il presente in modo pieno e – aspetto ancora più importante – vive con passione doveri e piaceri.

Ritardati cronici: il segreto del loro insopportabile "difetto" è l'ottimismo

LEGGI ANCHE: >> Se sei pessimista rischi di ammalarti di più: ecco cosa succede al corpo

Così facendo i ritardatari cronici finiscono per avere più successo poiché si impegnano al massimo in ciò che stanno facendo e questa profonda partecipazione li rende di conseguenza più creativi e più produttivi. Parallelamente, non avendo la pressione di arrivare in tempo, vivono tutti gli impegni con meno stress e la loro salute risulta essere migliore di chi invece cerca di rispettare al secondo la parola data. A confermare la teoria per cui i ritardatari cronici siano persone di successo è stato un doppio studio condotto dall’Harvard Medical School e dall’American Psychological Association. Foto@Kikapress