A Wakefield il 64enne Malcolm Shipman è stato ritenuto colpevole di quattro capi di imputazione

Malcom Shipman durante una delle udienze del processo
Malcom Shipman durante una delle udienze del processo

Secondo il pronunciamento di una corte del Regno Unito lui violentava due ragazzine e dava loro 50 centesimi per tacere: un uomo è stato condannato dopo 25 anni e a Wakefield il 64enne Malcolm Shipman è stato ritenuto colpevole di quattro capi di imputazione. Secondo l’accusa l’uomo, ex proprietario di un pub e locale di musica rock e metal, avrebbe abusato della fragilità di due minorenni per violentarle. Lo avrebbe fatto per anni e tenendole sotto la minaccia di ritorsioni se avessero raccontato qualcosa.

Violentava due ragazzine e dava loro 50 centesimi

Dopo 25 anni però la giustizia ha fatto il suo corso e l’uomo è stato condannato a sei anni e cinque mesi di prigione per abusi sessuali. I reati vennero commessi fra il 1988 e il 1997, con le vittime che avevano taciuto per anni. Poi però erano diventate adulte ed avevano sporto denuncia “per impedirgli di colpire altre ragazzine e per dire finalmente la verità e ottenere giustizia per quello che ci è successo”. Shipman le avrebbe toccate ed indotte a compiere atti sessuali su di lui.

“Sono stata maltrattata e non lo sapevo”

E assieme alle minacce anche un “regalino” per incentivare il loro silenzio: “Ci dava 50 centesimi dopo gli abusi ma ci avvertiva anche di tacere o ci sarebbero state delle conseguenze”. Una di loro ha detto: “Sono stato maltrattata ma all’epoca non lo sapevo. Sono stata manipolata nel pensare che fosse normale. Per anni mi sono chiesta cosa fosse giusto o sbagliato”. Shipman si è detto innocente ma la Teesside Crown Court non gli ha creduto ed assieme alla condanna gli ha ingiunto di firmare sul registro degli autori di reati sessuali.