Wall Street chiude mista, S&P e Nasdaq da record

·3 minuto per la lettura

AGI - Wall Street chiude mista, con lo S&P 500 e il Nasdaq che hanno toccato nuovi massimi grazie al rimbalzo dei titoli tech, dopo che il numero uno della Fed, Jerome Powell, ha fatto capire nel suo intervento di venerdì a Jackson Hole, che la banca centrale continuerà a essere cauta nell'avvio al tapering, rafforzando l'ottimismo degli investitori sul rimbalzo economico e attenuando i timori di un brusco ritiro degli stimoli monetari.

Il Dow Jones perde lo 0,16% a 35.399,90 punti, il Nasdaq avanza dello 0,90% a 15.265,9 punti e lo S&P 500 sale dello 0,43% a 4.528,62 punti.

Sul fronte dei titoli tech, Apple è balzato del 3,04% a un nuovo massimo storico, mentre Microsoft, Amazon.com e Alphabet (la casa madre di Google) sono saliti rispettivamente dell'1,29%, del 2,15% e dello 0,41%. I titoli tech ad alta crescita tendono a beneficiare delle aspettative di tassi più bassi perché il loro valore dipende fortemente dai guadagni futuri. L'indice di riferimento sta seguendo la sua più lunga serie di record mensili dal 2018 sulla scia della promessa di soldi facili, con gli investitori che sembrano ignorare i segnali di un rallentamento della ripresa economica e l'aumento dei casi di Covid.

Dal simposio dei banchieri di Jackson Hole, Powell ha confermato l'intenzione di dare il via al tapering entro il 2021, ma con cautela. "La scorsa settimana il mercato è stato preparato alla tempistica del tapering e questo ha contribuito a dare ai mercati un'ulteriore spinta alle speranze che le politiche accomodanti della banca centrale Usa aiuteranno a compensare alcuni dei rischi legati all'aumento dei contagi", ha spiegato Ross Mayfield, stratega degli investimenti presso Baird in Louisville, Kentucky. "Sebbene, se la Fed continuasse a essere così accomodante anche nelle prossime riunioni, i mercati potrebbero pensare che ci siano problemi in arrivo nel processo di ripresa economica".

L'indice S&P 500 è aumentato di oltre il 3% ad agosto - periodo solitamente debole per le azioni - e gli analisti di Wells Fargo hanno affermato la scorsa settimana che si aspettano che l'indice aumenti di un altro 8% entro fine anno. È anche sulla buona strada per registrare uno dei suoi migliori rendimenti dall'inizio dell'anno ad agosto degli ultimi sei decenni, ha affermato Chris Larkin, amministratore delegato del trading di E Trade Financial.

Mentre i prezzi del greggio negli Stati Uniti sono aumentati dello 0,7%, i titoli energetici sono ampiamente scivolati mentre gli investitori si preoccupavano dei possibili impatti a lungo termine sulla produzione petrolifera offshore e dei danni alle infrastrutture energetiche causate dall'uragano Ida, che si è abbattuto a terra domenica vicino a Port Fourchon, in Louisiana, importante hub per l'industria petrolifera offshore statunitense. Anche i rendimenti obbligazionari in calo hanno messo sotto pressione i titoli bancari, con l'indice bancario S&P 500 che ha chiuso in ribasso.

Lo S&P 500 ha registrato 74 nuovi massimi di 52 settimane e nessun nuovo minimo; il Nasdaq Composite ha registrato 137 nuovi massimi e 27 nuovi minimi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli