Wall Street ha chiuso in profondo rosso dopo la diffusione dei verbali della Fed

·4 minuto per la lettura

AGI - Chiusura in profondo rosso per Wall Street dopo la diffusione dei verbali della Fed, che hanno messo nero su bianco come l'inflazione si stia dimostrando più elevata e duratura di quanto stimato e come questo potrebbe rendere necessario un rialzo dei tassi d'interesse prima del previsto.

I titoli tecnologici hanno pesato sull'intero mercato, con l'eccezione del Dow Jones, che ha finito per essere trascinato in rosso anche lui.

Dopo un avvio cauto e in ordine sparso, immediatamente dopo la diffusione delle minute della riunione di metà dicembre del Fomc, il braccio operativo della Fed, c'è stato un repentino crollo dei principali indici.

I verbali dell'ultima riunione del comitato di politica monetaria della Fed hanno mostrato la volontà di affrontare l'inflazione a testa alta.

Il Dow - partito positivo - ha chiuso in calo dell'1,07% a 36.407,11 punti, lo S&P 500 è crollato dell'1,90% a 4.702,30 punti. Ma a pagare il prezzo più alto è stato il Nasdaq, scivolato al -3,34% a 15.100,2 punti (il peggior risultato dallo scorso febbraio) perché l'ipotesi di un aumento dei tassi di interesse prima del previsto unita a una probabile forte stretta degli stimoli monetari per domare l'elevata inflazione ha fatto balzare il rendimento dei Treasury a 10 anni sopra l'1,70%, a un massimo di nove mesi (dall'1,666% di ieri).

Anche i rendimenti dei titoli di Stato Usa a 30 e 2 anni sono aumentati, raggiungendo rispettivamente il 2,0874% e lo 0,8156%. Già sviato, il Nasdaq è quindi crollato. I membri della Fed hanno indicato, in un linguaggio inequivocabile, che ora intendono aumentare il tasso di riferimento dell'istituzione prima e più volte del previsto.

Inoltre, si tratta ora di iniziare a ridurre il bilancio della Fed subito dopo il primo rialzo dei tassi, cosa che ha colto di sorpresa gli operatori. "Al mercato non è piaciuto questo passaggio", hanno commentato gli analisti di Briefing.com in una nota.

"I titoli che hanno multipli elevati (prezzo delle azioni rispetto agli utili) di solito subiscono un duro colpo quando sembra che la Fed stia per aumentare i tassi", ha affermato il gestore degli investimenti della società di gestione Bokeh Capital Partners.

Questo è il caso di molti titoli che hanno registrato guadagni 'sfacciati' nel 2021, come Alphabet (-4,68%), Tesla (-5,35%), o Apple (-2,66%). Sono state colpite anche le pepite della new economy introdotte in borsa in pompa magna nel 2021, come la società di servizi finanziari online SoFi (-6,31%) e la piattaforma virtuale Roblox (-6,95%).

Anche le star delle criptovalute e della blockchain lo hanno preso per il loro rango, gli investitori hanno abbandonato, ad esempio, Coinbase (-6,36%) e la società di mining di valuta virtuale Riot Blockchain (-12,06%).

Alcuni titoli rari hanno resistito a questo vento cattivo e hanno permesso al Dow Jones di limitare le perdite, in particolare titoli del settore medico come Merck (+2,43%) e Walgreens (+0,97%). "Il mercato venderà massicciamente per qualche giorno, il tempo di digerire" la pubblicazione della Fed, ha commentato Kim Forrest.

Un'altra stella della promozione delle Ipo del 2021, il produttore di veicoli elettrici Rivian (-11,22% a 90,01) ha subito il peso di una serie di annunci dai suoi concorrenti.

La General Motors (-4,56% a 62,74 dollari) ha presentato mercoledì al Ces, il tech show di Las Vegas, una versione elettrica del proprio pick-up di punta, il Silverado.

Stellantis ha anche svelato un'importante partnership con Amazon, che prevede un ordine dal produttore di "migliaia" di veicoli elettrici all'anno a partire dal 2023. Rivian, che è stata quotata in borsa a metà novembre, finora ha basato parte della sua popolarità tra gli investitori su un ordine di 100.000 furgoni elettrici da parte di Amazon.

Ottima performance anche per le azioni di AT&T (+2,22% a 26,21 dollari), il cui direttore generale ha comunicato buoni numeri di abbonamenti telefonici e ha segnalato che la cessione di WarnerMedia (controllata dei contenuti) a Discovery (-1,12% a 26,45 dollari) sta procedendo come previsto.

Perdite anche l'impresa  di cloud computing con sede a San Francisco Salesforce (-8,29%), Microsoft (-3,84%), Mela Sciences (-2,66%) e Nike (-2,49%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli