We are lucky, il progetto che regala mille sterline al giorno agli sconosciuti

Donare 1.000 sterline al giorno a uno sconosciuto in cambio di un utilizzo responsabile di tale somma. E’ quanto sta facendo dal 2011 un misterioso cittadino inglese attraverso il progetto “We Are Lucky”, nato da una storia alquanto particolare: sembra che l’ignoto benefattore abbia vinto in passato una ingente somma di denaro e abbia inizialmente deciso di intraprendere un viaggio nello spazio grazie ai vari tour organizzati di cui tanto si parla in questo periodo e che tanto fanno sognare star dello spettacolo e molti miliardari.

La banca è per la persona o la persona per la banca?

Il cittadino inglese però, dopo averne parlato con amici e parenti, capisce che esistono modi ben più responsabili di utilizzare una tale somma di denaro, quindi decide di mettere in piedi il progetto, con il quale offre la possibilità a persone sconosciute di cambiare qualcosa nella loro vita, donando 1.000 sterline ogni giorno. In cambio vengono semplicemente richieste una foto, un’idea concreta e responsabile con cui utilizzare il denaro e una piccola intervista.

Ha ragione Gramsci: siamo una generazione meschina

Proprio per questo il benefattore inglese sta girando il mondo per incontrare di persona le cosiddette “Lucky People”, cioè coloro che hanno avuto la fortuna di ricevere le 1.000 sterline. E sempre per lo stesso motivo il progetto “We Are Lucky” si sta via via trasformando anche in una sorta di diario di viaggio, una raccolta di storie e testimonianze che mostrano le diverse azioni con cui migliaia di persone stanno facendo del bene in tutto il mondo.


Lucetta Scaraffia: solo la famiglia può salvarci dalla rivoluzione fallita

Come si legge nella pagina di presentazione del progetto, non è ovviamente facile scegliere a chi elargire la somma di denaro: alcuni giorni non si incontrano persone meritevoli mentre altri ce ne sono fin troppe. “Decisi di passare la mia fortuna agli altri regalando mille sterline ogni giorno”, racconta l’inglese, “l’unica cosa che chiedo è che con quei soldi venga fatto qualcosa di positivo”.
“Non voglio solo condividere il denaro, - aggiunge - ma la responsabilità che deriva dall’avere questo denaro”.



Premiata per la sua buona volontà. La bella storia di Dawn:

Ricerca

Le notizie del giorno