Wfp: Burkina Faso epicentro di crisi umanitaria nel centro Sahel

Orm/red

Roma, 19 nov. (askanews) - L'agenzia ONU World Food Programme (WFP) ha lanciato oggi l'allarme sul peggioramento della crisi umanitaria in atto in Burkina Faso e nei paesi confinanti, nella fascia saheliana centrale dell'Africa occidentale. La violenza diffusa e l'impatto a lungo termine del cambiamento climatico le cause principali. Secondo il WFP, la risposta umanitaria deve essere rapidamente potenziata, se si vogliono proteggere e salvare vite nel Burkina Faso e nella regione.

"Il Burkina Faso sta vivendo una crisi drammatica, che ha sconvolto le vite di milioni di esseri umani. Quasi mezzo milione di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case e un terzo del paese è considerato ora zona di guerra", ha detto David Beasley, Direttore Esecutivo del WFP. "Le nostre squadre che sono sul campo registrano tassi di malnutrizione ben al di sopra della soglia di emergenza. Significa che bambini piccoli e madri che hanno appena partorito sono particolarmente in pericolo. Se il mondo vuole davvero salvare vite, questo è il momento." (Segue)