Whatsapp bandirà definitivamente i minori di 16 anni

[Getty]

A breve WhatsApp punta a impedire l'accesso ai propri servizi agli utenti con meno di 16 anni. A dirlo è un rumor emerso nella community di WaBetaInfo, secondo la quale la restrizione potrebbe essere presto imposta a tutti gli utenti residenti all'interno dell'Unione Europea. Quindi anche agli italiani.

L’idea di stabilire il divieto d'accesso al servizio di messaggistica ai minori di 16 anni non è una novit. Dopotutto, ad aprile del 2018 sempre WaBetaInfo aveva rilevato l’esistenza - formale, se non altro - del divieto di utilizzo dell’app per chi non abbia raggiunto quell’età. L’aggiornamento del documento del quale gli utenti sono tenuti a prendere visione al momento del primo utilizzo di WhatsApp avvisa infatti che tra i requisiti per potersi collegare ai server dell'azienda dall'Unione Europea c’è l’aver compiuto almeno 16 anni, in conformità al GDPR, l’insieme delle nuove regole europee di tutela della privacy. Nell'ultimo aggiornamento software sembrano però esserci tracce di un sistema che il team di sviluppatori dell'app sta mettendo a punto per rendere effettivo il blocco agli utenti che non soddisfano il requisito anagrafico.

Di quale tipo di sistema sia, nulla si sa. WaBetaInfo non ha fornito indicazioni su come abbia recuperato l’informazione, e quindi non è noto il meccanismo che renderebbe l’app consapevole dell’età dei propri utenti. E’ plausibile che esempi possano venire dalla struttura tecnica di Facebook e di Instagram, dove le info sono legate ai numeri di telefono degli utenti registrati. Tuttavia, pensare di incrociare automaticamente questi dati non è possibile, poiché lo stesso GDPR ha stabilito restrizioni importanti del rispetto della privacy. Certo, se si vorrà fare qualcosa sarà necessario superare l’attuale situazione, dove la buona fede degli utenti è l’unico criterio adottato. Con risultati decisamente scarsi.