Whatsapp: in arrivo la possibilità di cancellare i messaggi entro 2 minuti dall'invio

L’app di messaggistica istantanea Whatsapp potrebbe presto aggiornare il proprio software dando agli utenti nuove funzionalità. La più interessante riguarda chi, per sbadataggine o per impulsività, manda il classico messaggio di cui pentirsi…

Il logo di Whatsapp

Secondo l’account Twitter WABetaInfo, un insider sempre ben informato su quanto accade nel mondo dei social network e dell’instant messaging, Whatsapp sta per dare agli utenti la possibilità di cancellare un messaggio dalle chat entro due minuti dall’invio. Non solo, come avviene ora, nella propria schermata: ma anche in quella del destinatario. In precedenza i programmatori avevano pensato di dare una finestra addirittura di mezz’ora, ma sarebbe stato probabilmente inutile visto che solitamente i messaggi vengono letti nell’immediato.

 

Guarda anche: il galateo delle note audio, consigli per non farsi odiare dai vicini di posto

La durata temporanea dei messaggi è uno dei punti forti del social network più in ascesa nel panorama attuale, vale a dire Snapchat. Whatsapp non ha intenzione di seguire la sua strada, ma l’opportunità di cancellare messaggi indesiderati potrebbe essere positiva in caso di errore. Questo non significa che il destinatario non avrà l’opportunità di leggere messaggi “sbagliati”: basta che sia più veloce del mittente…

Whatsapp è attualmente protagonista indiretta della cronaca: è un fatto che gli ultimi attacchi a Londra siano stati organizzati anche tramite questa app, e alcuni governi stanno chiedendo ai vertici della compagnia di poter avere accesso alle chat in modo più agevole. Ciò però – dicono i programmatori – potrebbe aprire la porta anche a hacker con intenti decisamente meno nobili rispetto alle forze di polizia.

Guarda anche: il vero significato delle emoticon più usate

Oltre ai messaggi cancellabili, sono in studio altre features come la possibilità di informare automaticamente i contatti di eventuali cambi di numero, mentre resta attivo il nuovo “stato” che comunque non ha avuto fino ad ora il successo sperato.

Guarda anche: giovani iperconnessi, i rischi legati all’uso smodato dei social

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità