WhatsApp e allarme privacy: "Attenti ad altre app, ecco perché"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Privacy a rischio con i messaggi sulle app che non usano la crittografia end-to-end come impostazione predefinita. E' l'allarme che WhatsApp fa scattare dal proprio blog, in un post dedicato alla privacy. "Comprendiamo che in questo periodo alcune persone abbiano provato altre applicazioni di messaggistica per verificare quali opzioni offrono. Alcune applicazioni concorrenti dichiarano di non poter vedere i messaggi degli utenti. Tuttavia, se un’applicazione non offre la crittografia end-to-end come impostazione predefinita, significa che può leggere i messaggi", si legge.

"Altre applicazioni affermano di essere migliori perché hanno accesso a una quantità inferiore di dati rispetto a WhatsApp. Riteniamo che le persone siano alla ricerca di applicazioni che siano allo stesso tempo sicure e affidabili, ed è per questo che WhatsApp ha accesso a una quantità limitata di dati" sottolinea il post.

"Ci impegniamo a prendere sempre decisioni ben ponderate e continueremo a cercare nuove soluzioni per adempiere alle nostre responsabilità usando sempre meno dati" prosegue la piattaforma.