Whirlpool, Salvini a Di Maio: no presa in giro operai per fare fenomeni

Pol/Vlm

Roma, 20 ott. (askanews) - "Siamo rappresentati nel mondo da un ministro degli Esteri che poche settimane fa aveva fatto un volantino sugli operai della Whirlpool, dicendo 'problema risolto, non salterà un posto di lavoro'. Il primo novembre chiude la fabbrica e a casa vanno in mille...". È quanto ribadisce il leader della Lega, Matteo Salvini, durante un comizio elettorale a Todi, in merito al ministro degli Esteri e capo politico del Movimento 5 Stelle.

"Non si scherza con il lavoro della gente, non si prendono in giro gli operai per fare i fenomeni", aggiunge Salvini.