WikiLeaks, il padre di Assange: potrebbe morire in carcere

Coa

Roma, 9 nov. (askanews) - John Shipton, il padre del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, attualmente in carcere nel Regno Unito, ha dichiarato di avere fatto visita al figlio e di "avere affrontato l'amara verità" che potrebbe morire in prigione.

"Julian potrebbe morire in prigione per una persecuzione che dura da nove anni per aver rivelato la verità sui crimini di guerra ... Questa non è l'amara delusione di un padre, questo è semplicemente un dato di fatto", ha detto Shipton ai giornalisti a Ginevra, come riferisce il Daily Mail, aggiungendo di essersi recato in visita al figlio due giorni fa.

Dopo l'incontro con Assange in carcere nello scorso mese di agosto, Shipton aveva affermato che il figlio aveva perso peso, soffriva di ansia ed era stato sottoposto "a ogni tipo di tormento".