Winfrey ricorda l'orrore: "Stuprata a 9 anni da un cugino"

·2 minuto per la lettura
Entertainer Oprah Winfrey listens to the speakers before accepting a W.E.B. Du Bois Medal at the Hutchins Center Honors at Harvard University in Cambridge, Massachusetts September 30, 2014.    REUTERS/Brian Snyder    (UNITED STATES - Tags: EDUCATION SOCIETY ENTERTAINMENT)
Oprah Winfrey (REUTERS/Brian Snyder)

Oprah Winfrey ha raccontato in lacrime l'orribile esperienza di essere stata ripetutamente violentata da un cugino 19enne - di cui non ha rivelato il nome - quando aveva solo nove anni. 

Durante la presentazione della sua nuova serie sulla salute mentale "The Me You Can't See", prodotta per Apple TV + in collaborazione con il principe Harry, la presentatrice 67enne ha ricordato di essere stata sottoposta ad aggressioni sessuali fino all'età di 14 anni. 

GUARDA ANCHE: Harry e Meghan, confessioni shock in tv

Parlando del proprio trauma infantile, Oprah ha spiegato che a quell'età non sapeva cosa fossero il sesso né lo stupro. "A nove, 10, 11 e 12 anni sono stata violentata da mio cugino di 19 anni - ha detto - . Non sapevo cosa fosse lo stupro. Di certo non ero a conoscenza della parola. Non avevo idea di cosa fosse il sesso, non avevo idea da dove venissero i bambini, non sapevo nemmeno cosa mi stesse succedendo. E ho mantenuto quel segreto". 

"Dopo la prima volta - ha detto Winfrey - mi hanno portato in una gelateria col sangue che mi scorreva ancora lungo la gamba e mi ha comprato il gelato". 

Una storia, quella della presentatrice, fatta di ripetuti abusi da parte di diversi parenti, incluso uno zio, fino all'età di 14 anni, quando rimase incinta e fu mandata a vivere con suo padre. Il bimbo morì due settimane dopo il parto. Crescendo Oprah è stata sottoposta ad altre forme di abuso, comprese le percosse da parte di sua nonna e l'incuria da parte di sua madre.

La Winfrey ha sottolineato l'importanza, per chi subisce violenze, di raccontare, denunciare gli abusi: "Raccontare - ha detto Oprah -, essere in grado di dire ad alta voce 'questo è quello che è successo a me', è fondamentale".

LEGGI ANCHE: Stupro Milano: "Di Fazio pericoloso, non era solo". Dettagli terrificanti

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli