Wojciechowski: difesa Ig a centro negoziati rinnovo accordo Cile

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 6 ott. (askanews) - "La Commissione europea finalmente si è pronunciata: la difesa delle indicazioni geografiche sarà al centro dei negoziati col Cile per il rinnovo dell'accordo di associazione con l'Ue". Paolo Borchia, eurodeputato della Lega, commenta la risposta formale dell'esecutivo europeo all'interrogazione presentata sulla domanda di registrazione dei tre marchi Asiago, Bologna e Parmesan 'tarocchi' nella Gazzetta ufficiale cilena.

Nella risposta alla interrogazione il commissario Europeo Janusz Wojciechowski scrive che "non appena venuta a conoscenza delle domande di registrazione in questione la Commissione è rapidamente intervenuta, informando i pertinenti gruppi di produttori italiani e le autorità nazionali italiane e invitandoli a prendere in considerazione la possibilità di presentare opposizione formale conformemente alle procedure previste dal diritto cileno in materia di proprietà intellettuale".

Il commissario Ue spiega che "la tutela delle indicazioni geografiche (IG) fondamentali per prodotti agroalimentari, che il diritto dell'UE tutela nell'Unione, costituisce una priorità chiave per la Commissione nell'ambito degli attuali negoziati per l'aggiornamento dell'accordo di associazione UE-Cile. Essa rappresenta uno dei principali potenziali risultati dell'aggiornamento, in quanto l'attuale accordo di associazione UE-Cile riguarda solo la protezione delle IG di vini e bevande spiritose. Per consentire un'esecuzione rapida ed efficace la Commissione mira a includere disposizioni di esecuzione per le IG agroalimentari, comprese misure di esecuzione amministrativa, nell'accordo commerciale aggiornato".

"Bruxelles conferma che includerà disposizioni di protezione per le indicazioni geografiche agroalimentari nell'accordo con il Cile attualmente in aggiornamento - commenta Borchia - dopo la disastrosa deregolamentazione del mercato interno promossa dalle Commissioni Barroso e Juncker, il clima in Europa sta finalmente cambiando, grazie anche al costante lavoro della Lega, a tutela dell'agroalimentare nazionale e a contrasto dell'italian sounding. Ad ogni modo, sarà essenziale una vigilanza sull'effettiva efficacia di quanto promesso dalla Commissione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli