World Polio Day, il vaccino resta l'unica arma contro poliomelite -2-

Rus

Roma, 24 ott. (askanews) - Globalmente, i Paesi hanno raggiunto risultati diversi nel processo di eradicazione della polio, suggerendo che le soglie di immunità delle popolazioni varino in base alle aree geografiche, con importanti implicazioni a livello strategico, di pianificazione e di definizione delle priorità.

L'unico strumento di contrasto del virus è la vaccinazione, grazie alla quale più di 5 milioni di persone sono scampate alla forma paralitica della malattia.

L'Italia e tutta la Regione OMS Europa è stata definita dal 2001 una Regione polio free. Nel nostro Paese la vaccinazione antipolio è obbligatoria dal 1966 e l'ultimo caso endemico di poliomelite si è verificato nel 1982.

"Non dobbiamo mai dimenticare che negli anni Sessanta prima dell'introduzione delle campagne di vaccinazione - ricorda il Prof. Brusaferro, Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità - la poliomielite colpiva migliaia di bambini anche in Italia e in tutti i Paesi industrializzati. A sconfiggere questo flagello è stata solo la vaccinazione di massa grazie alla quale la malattia è progressivamente diminuita fino a quasi scomparire e ancora oggi la vaccinazione resta l'unica protezione reale se vogliamo restare un paese come dice l'OMS polio free".

L'Istituto Superiore di Sanità (ISS) organizzerà anche per il 2020 il Corso FAD ECM, dal titolo "Paralisi Flaccide Acute: status dell'eradicazione della poliomielite e problematiche aperte". Il percorso formativo, per personale medico e sanitario, avrà come obiettivi quello di fornire aggiornamenti sia sullo stato di avanzamento del processo di eradicazione della polio nel mondo sia sulla normativa vigente per il sistema di notifica dei casi di paralisi flaccide acute ma anche descrivere i quadri clinici suggestivi di paralisi flaccide acute e il sistema di notifica delle stesse in Italia, dall'individuazione del caso clinico, al flusso dei dati e alla gestione dei campioni biologici secondo quanto previsto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.(Segue)