Wwf: Jova Beach grande occasione, differenziata ora una cosa "rock"

Red/Gtu

Roma, 21 set. (askanews) - Gran finale del Jova beach party sul prato dell'aeroporto di Linate, chiuso per lavori, e il Wwf, promuove il tour, "una grane occasione per informare, piantare semi di sostenibilità", un tour che pure è stato puntualmente preso di mira - nonostante la collaborazione col Wwf - da tanti ambientalisti, proprio per la scelta delle spiagge. Invece - rivendica il wwf - non solo "le spiagge venivano lasciate pulite" ma grazie a Lorenzo e al palco del Jova Beach "la raccolta differenziata, spesso vissuta con pregiudizio e fastidio, è diventata una cosa 'rock' e la cura per l'ambiente un dovere civile e sociale per tutti".

Per il Wwf Jova Beach Party "ha rappresentato un momento di grande impegno nel quale l'associazione ha svolto un ruolo di analisi, di indirizzo, di individuazione delle soluzioni oltre che di garanzia e controllo", ed "è stata una grande occasione di comunicazione e sensibilizzazione per avvicinare le persone alle grandi questioni ambientali e in particolare alla necessità di affrontare l'emergenza dell'inquinamento da plastica che sta invadendo i nostri mari".

"Il bilancio - sottolinea l'organizzazione ambientalista - è ancora più positivo se si pensa che per la prima volta un grande evento di massa e di musica si è trasformato in un moltiplicatore di messaggi positivi, tutti concentrati sulla necessità di adottare stili di vita in grado di alleggerire la nostra pressione sull'ambiente".

Un'analisi dei numeri del Jova Beach Party "rende bene l'idea del lavoro fatto e dei risultati conseguiti": il Jova Beach Party ha coinvolto circa 500mila persone, che "grazie al Wwf e ai continui messaggi di Lorenzo sono entrati in contatto con i comportamenti corretti da tenere rispetto ai rifiuti, alla necessità di ridurli, differenziarli e non disperderli nell'ambiente circostante". (Segue)