WWF: nel Pnrr il decisivo progetto per la rinaturazione del Po

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 3 mag. (askanews) - Nel testo definitivo del PNRR, che il governo si appresta ad inviare alla Commissione Europea, è stato inserito quello che il WWF considera "il progetto più strategico per la tutela della biodiversità e il ripristino ambientale più significativo dell'intero Piano": il Progetto per la rinaturazione del Po, il più grande fiume italiano, che attraversa le regioni economicamente più dinamiche del Nord Italia.

Si tratta di un progetto elaborato da WWF Italia e da ANEPLA (Associazione Nazionale Estrattori Produttori Lapidei Affini di Confindustria), condiviso e integrato con l'importante collaborazione istituzionale dell'Autorità di Bacino distrettuale del Po e di AIPo (Agenzia Interregionale per il Po, che riunisce le Regioni attraversate dal Po). Il progetto è stato valutato positivamente, fatto proprio e definito nei sui particolari dal ministero della Transizione Ecologica e inserito nel PNRR. Un'elaborazione frutto di un rapporto consolidato, tra il mondo ambientalista e quello delle imprese, che portò agli inizi degli anni 2000 a una proposta congiunta di Direttiva tecnica per la rinaturazione del Po. . Il Progetto per la Rinaturazione del Po prende in considerazione una vasta fascia fluviale, dalla provincia di Pavia fino a quella di Rovigo, che si estende per 32.431,18 ettari, nella quale sono state individuate 37 aree da rinaturalizzare lungo il tratto medio padano più altre 7 aree localizzate nel delta del Po. La proposta è coerente con la pianificazione di bacino (in particolare con il programma sedimenti dell'Autorità di bacino del Po) e con le direttive europee "Acque", "Alluvioni" e Habitat.

Il progetto risponde agli obiettivi e agli standard definiti nelle Linee Guida per i PNRR e nel Regolamento che istituisce lo strumento Recovery and Resilience Facility (RRF), in cui si chiede ai Paesi Membri della UE di intraprendere azioni concrete per accrescere il loro capitale naturale tutelando e riqualificando le loro risorse naturali. Intervenire sul Po risponde anche alle indicazioni della "Strategia Europea per la biodiversità" che chiede ai Paesi Membri di intervenire sui 25 mila chilometri dei fiumi europei per ripristinare le pianure alluvionali e le zone umide e consente di integrare e implementare gli obiettivi di sviluppo sostenibile avviati in quest'area dai due MAB Unesco presenti: "Po Grande" e "Delta Po".