X Factor, Tersigni: "Dopo la morte di papà ho iniziato a sfondarmi di canne. Avevo 16 anni, senza lui ero perso"

·1 minuto per la lettura
- (Photo: getty)
- (Photo: getty)

X Factor? “Ho visto la prima puntata dei provini. Posso migliorare. Punto sull’autenticità. Con Emma, Manuel Agnelli, Mika e Hell Raton mi sento a casa”. A parlare in un’intervista al Messaggero è Luovico Tersigni, nuovo conduttore del talent show di Sky. Romano, 26 anni, Tersigni arriva alla conduzione dopo essere stato protagonista di serie di successo come Skam Italia e Summertime. L’artista racconta come le sue passioni, musica (ha una band e suona la chitarra) e recitazione, siano state ancore di salvezza:

“Quando a 16 anni ho perso papà mi sono ritrovato con un grande vuoto dentro. E l’ho riempito in modo sbagliato [...] Canne. Mi sfondavo. Ogni tanto ne fumo ancora qualcuna, ma prima esageravo. È stata una fase complessa. Con mamma ho cambiato tante case e andavo anche male a scuola. Mio papà era un faro: senza di lui mi sentivo perso”.

Nonostante la sua giovane età, il conduttore di X Factor non usa i social:

“Leggo e mi faccio una cultura. Contro? Non ne vedo”.

Dalla seconda puntata di X Factor, con la replica su Tv8, Tersigni farà “sfiderà” lo zio: Diego Zoro Bianchi, in diretta su La 7 con Propaganda Live. A chi gli domanda se lo abbia sentito, il giovane artista risponde:

“Ci siamo fatti gli auguri a vicenda. Per me è un compagno di giochi”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli