Yamaha Motor sigla una partnership con l’Arma dei Carabinieri

(Adnkronos) - Yamaha Motor ha siglato una partnership con l’Arma dei Carabinieri. La casa motociclistica giapponese fornirà una prima flotta di 48 Tracer 9, cui seguiranno entro la fine dell’anno, ulteriori 35 unità.

Una fornitura che rientra nel programma Yamaha for Police in Italia, dove la Casa del Triplo Diapason è nuovamente al fianco delle Forze dell’Ordine.

Vito Caramia, Dealer Development & New Business Dept Manager: “Yamaha continua a confermarsi il mobility provider ideale a supporto della domanda B2B in particolare del mondo Authority. L’andamento molto positivo del nostro progetto, nato nel 2015, ci motiva ad investire sempre di più in questa direzione ed è la conferma che l’ampia gamma dei prodotti Yamaha sia la soluzione vincente per supportare molteplici bisogni su ogni tipologia di superficie: asfalto, acqua, neve, off road”.

Le moto fornite in dotazione sono state realizzate con i loghi e i colori della tradizionale livrea istituzionale dell’Arma dei Carabinieri, l’allestimento specifico progettato con la INTAV srl comprende un faro lampeggiante a LED montato su un palo telescopico a estensione manuale, una doppia coppia di lampeggianti frontali a LED integrati nel parabrezza, un kit sonoro costituito da una coppia di altoparlanti e una pulsantiera stagna con comandi retroilluminati. I mezzi sono predisposti per l’installazione della radio veicolare per la connessione della flotta.

Andrea Colombi, Country Manager di Yamaha in Italia: “Siamo molto soddisfatti e consideriamo questa la tappa di un percorso lungo e duraturo. Yamaha for Police è un altro modo di tradurre concretamente il nostro impegno nei confronti della collettività e di mettere al servizio dell’Authority il nostro know-how, la nostra tecnologia e la nostra propensione a essere tra la gente, anche per funzioni di tutela e supporto”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli