Ylenia Carrisi, la rivelazione: “Sappiamo dov’è”

ylenia carrisi

La vicenda della scomparsa di Ylenia Carrisi sembra non finire mai. Dopo mesi di silenzio, si torna a parlare della giovane della quale non si hanno più notizie certe dal 1994, quando è scomparsa da New Orleans. Stando a quanto rivelano gli inquirenti che hanno indagato e indagano sul caso, la primogenita di Al Bano e Romina potrebbe essere ancora in vita. Stando alle informazioni che giungono da oltreoceano, circolerebbero anche indiscrezioni relative alle indagini, sulle quali però la famiglia mantiene il più stretto riserbo.

Ylenia Carrisi, la rivelazione

Dagli Stati Uniti giungono notizie che potrebbe riaccendere la speranza nella famiglia di Ylenia Carrisi. Secondo quanto riportano alcuni media, infatti, la polizia statunitense avrebbe reso noti alcuni sviluppi: “Ylenia è viva. Abbiamo dei nuovi indizi su dove si possa trovare ma non possiamo fornire ulteriori dettagli, dato che l’indagine è ancora in corso“. Stando a queste parole, il caso potrebbe avere nuovi, e magari positivi, sviluppi. Va detto, però, che da parte della famiglia, al momento, non è arrivato alcun commento.

Coinvolto il racket messicano?

Era il 6 gennaio 1994 quando Ylenia Carrisi è stata vista per l’ultima volta dalla proprietaria dell’hotel dove sono stati ritrovati tutti i suoi effetti personali. La primogenita di Al Bano e Romina, in quel periodo, condivideva la stanza con un musicista, il quale non sono non denunciò la scomparsa della giovane, ma restò all’interno dell’hotel per diversi giorni dopo la sparizione tentando poi di pagare la struttura con gli assegni turistici della Carrisi. Alcuni hanno avanzato l’ipotesi che Ylenia possa essere stata drogata e poi venduta al racket. Oggi Ylenia avrebbe 49 anni e le indiscrezioni che arrivano dall’America fanno ben sperare.