Yemen, coalizione saudita non inserita in lista nera Onu -3-

red/Mgi

Roma, 31 lug. (askanews) - Il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha presentato il nuovo Rapporto annuale sui minori nei conflitti armati, documentando le gravi violazioni dei diritti dei bambini che vivono in aree di conflitto. Gravi violazioni che comprendono le uccisioni e le mutilazioni, il reclutamento, i rapimenti, gli abusi sessuali, la negazione dell'accesso agli aiuti umanitari e gli attacchi contro scuole e ospedali.

Nell'allegato del rapporto annuale di quest'anno, la Coalizione guidata da Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti è elencata per l'uccisione e la mutilazione dei bambini, ma non per gli attacchi contro scuole e ospedali indicati nel rapporto stesso. Inoltre, sottolinea Save the Children, all'interno della "lista nera", che quest'anno comprende i nomi di 63 parti in conflitto in tutto il mondo, la Coalizione è inserita in una sezione più leggera, tra gli attori che "hanno messo in atto misure volte a migliorare la protezione dei minori".

(Segue)