Yemen, Oxfam: "Massacro di donne e bambini e bombe made in Italy" -5-

Orm/Red

Roma, 28 nov. (askanews) -

L'appello a Parlamento e cittadini a far sentire la propria voce

Due mesi fa Oxfam ed altre organizzazioni hanno chiesto un incontro con il Ministro degli esteri Luigi Di Maio, ma ad oggi nessun riscontro positivo è ancora arrivato.

"Mentre restiamo in attesa di una risposta dal Governo, chiediamo inoltre al Parlamento di interpellare il Ministro per avere contezza su come sia stato reso effettivo lo stop parziale alla vendita di armi italiane, votato a giugno. Presentando inoltre un testo che vincoli l'Italia ad estendere la vendita di sospensione delle licenze a tutti i tipi di arma e verso tutti i paesi coinvolti nel conflitto.- conclude Pezzati - Si tratta di una battaglia di civiltà a cui tutti i cittadini possono contribuire facendo sentire la propria voce: chiedendo che si faccia subito tutto il possibile per alleviare le sofferenze del popolo yemenita, creando le condizioni perché il nostro Paese non si renda più anche solo indirettamente complice del massacro di civili in corso da più di 4 anni".

Per farlo, si può firmare la petizione di Oxfam #SOSYEMEN su: https://www.oxfamitalia.org/sos-yemen/

Oxfam rilancia inoltre un appello urgente alla comunità internazionale, perché faccia pressione sulle parti in conflitto per un immediato cessate il fuoco, che ponga le basi per una Pace duratura.