Yemen, Save the Children, almeno 78 bambini uccisi dalla dengue -3-

Red/Orm

Roma, 14 gen. (askanews) -

"Per la popolazione, la situazione economica non è migliorata. I genitori non possono permettersi di portare i propri figli in ospedale o di acquistare medicine. Gli ospedali sono pieni e alcuni pazienti sono costretti a sdraiarsi a terra per la mancanza di letti. È davvero una situazione terribile, anche bambini di otto mesi sono stati colpiti dalla febbre dengue. In alcuni ospedali tutto ciò che puoi sentire sono i bambini che piangono per il dolore. Attualmente stiamo supportando 48 strutture sanitarie a Hodeidah, che hanno registrato oltre 6000 casi sospetti nel 2019" ha proseguito Aldogani.

Nei centri sanitari di Save the Children sono stati accolti molti casi bambini che sembravano colpiti dalla dengue e lo staff sul campo sta diagnosticando e curando i pazienti, segnalando i casi più gravi.

Ali*, 8 anni, ha recentemente contratto la febbre dengue nel suo villaggio natale, non lontano dalla città di Hodeidah. I suoi genitori lo hanno portato all'ospedale pubblico di Al-Thawrah, un'importante struttura sanitaria nella città di Hodeidah che è sostenuta da Save the Children da diversi anni, dove sta ricevendo cure mediche insieme ad altri 14 bambini di età compresa tra i 2 e gli 8 anni. "Ho dovuto lasciare tutto laggiù al villaggio e stare con mio figlio qui. Ha la febbre alta e non mangia nulla da tre giorni ormai" ha raccontato sua madre.(Segue)